Il 2021 è l’anno del settecentenario della morte di Dante Alighieri, avvenuta a Ravenna, suo luogo d’esilio, nella notte tra il 13 e il 14 settembre del 1321. Dante è considerato il padre della lingua italiana; la sua fama è dovuta alla paternità della Comedìa, divenuta celebre come Divina Commedia e universalmente considerata la più grande opera scritta in lingua italiana, nonché uno dei maggiori capolavori della letteratura mondiale. Importante linguista, teorico politico e filosofo, Dante spaziò all’interno dello scibile umano, segnando profondamente la letteratura italiana dei secoli successivi e la stessa cultura occidentale, tanto da essere soprannominato il “Sommo Poeta” o, per antonomasia, il “Poeta”.

Tra gli eventi più importanti in programma nel 2021 per celebrare l’anniversario c’è il cosiddetto “Dantedì”, che ricorre il 25 marzo, data che gli studiosi individuano come l’inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia. Oltre a unirsi a questa celebrazione con un webinar dedicato (“Dante 700 tra Italia e Grecia”), l’Istituto propone altri materiali dedicati all’Alighieri: l’audiolibro “Dalla selva oscura al Paradiso” propone in trentatré lingue un percorso guidato attraverso le tre cantiche dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso; “Dante e il gran viaggio” è il titolo di una trilogia di video che raccontano l’intera Divina Commedia; infine, “Dante musicus” consiste in un docufilm che rappresenta un vero e proprio viaggio, in tre tappe, alla scoperta del fecondo incontro di Dante e della sua opera con l’arte musicale.

dal 05.02 al 16.04
dal 08.03 al 16.04
dal 21.03 al 16.04
dal 25.03 al 16.04
 Cliccare sulla miniatura corrispondente per accedere all’evento prescelto ed ai relative filmati.